Cass. Civ. sentenza n. 20545 del 29.09.2020: separazione consensuale e gratuito patrocinio: i redditi dei coniugi non si cumulano

Cass. Civ. sentenza n. 20545 del 29.09.2020: separazione consensuale e gratuito patrocinio: i redditi dei coniugi non si cumulano

La Suprema Corte, nella sentenza indicata in epigrafe, ha precisato che, ai fini della applicazione della disciplina in tema di gratuito patrocinio in un giudizio di separazione consensuale, devono ritenersi sussistenti interessi confliggenti e pertanto non si deve procedere al cumulo dei redditi dei coniugi,  ex art. 76, IV co. D.P.R. 115/2002,

In particolare, il Giudice di legittimità ha ritenuto che la circostanza che i coniugi accedano al giudizio di separazione sulla base di un accordo consensuale non comporta l’assenza automatica di interessi contrapposti; l’accordo raggiunto tra le parti non ha infatti efficacia se non a seguito del controllo del giudice, che può ricusare il tenore degli accordi per ragioni di contrarietà ai principi di ordine pubblico o agli interessi dei figli, come può esitare in un assetto diverso rispetto al contenuto inizialmente concordato dai coniugi.

cassazione-civile-sentenza-20545-2020